Articoli taggati :

corporate blog estrogeni

450 250 Agostino

Social ticketing on board

La compagnia di bandiera olandese è sempre stata una delle prima a osare nella comunicazione, coinvolgendo spesso anche i passeggeri. Questa volta tenta di stupire chi delle innovazione può essere definito evangelist, che spesso si trova a sperare che tali “aggiornamenti” vengano presi in considerazione dai grandi brand e/o fornitori di servizi. KLM ha implementato la piattaforma Meet & Seat, per dare la possibilità, eventualmente lo si volesse, ai passeggeri degli aeromobili di mettersi in contatto attraverso due dei social network più usati nel mondo. Non un vero e proprio social ticketing, visto che il biglietto non può essere acquistato tramite account ma è solo una connessione successiva all’acquisto,  che permette di estendere il social networking online alla realtà. La comunicazione è strutturata essenzialmente per un target professionale e di settore, magari pronto a stringere nuove collaborazioni, ma la piattaforma è aperta a tutti anche solo per fare due “chiacchiere”. Un valore aggiunto del volo, che sicuramente non vede le sue fondamenta nel social media ROI (o no?).

340 340 Agostino

Guestbook. Intervista a Fabio Malamocco

L’ospite di oggi per la nostra rubrica settimanale è Fabio Malamocco noto Internet Business Consultant, che nell’ultimo mese è riuscito a generare un contenuto virale partendo da una semplice idea, che ha conquistato piccoli ma sopratutto grandi. Una di quelle cose inventate in un pigro venerdì sera, elaborata il sabato, implementata la domenica e messa online il lunedì mattina, che è riuscita in pochissimo tempo a stuzzicare la curiosità di una notissima Onlus.

CaroBabboNatale nasce dalla semplice idea di riavvicinare gli adulti a un mondo che nella “vita professionale” si tende a dimenticare. Puoi raccontarci il progetto?

Il progetto è nato da un’intuizione che ho avuto a fine novembre, più precisamente durante un pigro venerdì sera di lavoro al computer. Stavo pensando in quel momento a come fare per poter far parlare di me nel campo del #SocialMedia con qualcosa di originale, mai sperimentato prima. Anche grazie ad una conversazione su Skype con un’amica, ho elaborato in testa questa possibilità, cioè di creare un semplice sito internet, attraverso il quale chiunque potesse scrivere desideri e volontà per Natale, usando come strumento Facebook.

Un’idea partita dal basso, quasi per gioco, che è riuscita ad arrivare al mondo delle Ong quasi sempre restie all’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione. Come nasce il rapporto con Terres des hommes e quali valori si vogliono veicolare attraverso la tua idea?

Il rapporto con Terre des hommes Italia è nato quasi per caso. Paolo Ferrara, Responsabile Comunicazione di questa Onlus, ha notato questa mia iniziativa e ha commentato nella Fanpage di Caro Babbo Natale, esprimendo un apprezzamento. Io l’ho ringraziato subito e poi l’ho contattato in privato proponendogli di sostenere le sue iniziative umanitarie in cambio del patrocinio ufficiale, che mi è stato concesso quasi all’istante! Contrariamente a quello che si potrebbe pensare e rispetto a tante altre realtà no profit, Terre des hommes Italia è molto “avanti” nell’utilizzo dei Social Networks e chi ci lavora all’interno parecchio abituato ad operare in modalità web 2.0.
I valori che si vogliono trasmettere sono quelli più semplici e importanti per ogni persona con un minimo di coscienza sociale, cioè la solidarietà verso chi sta peggio nel mondo e la volontà di metterci la faccia e partecipare in maniera attiva, ognuno secondo le proprie possibilità, ad iniziative benefiche ad utilità sociale… perché a Natale tutti dovrebbero essere più buoni!

Come dice lo spot di Terre des hommes, possiamo pensare a Caro Babbo Natale come un piccolo gesto che possa generare un cambiamento. La consapevolezza di poter fare qualcosa di più nell’epoca dell’iperconsumismo, è sicuramente uno degli aspetti positivi dei social media. Quale cambiamento potrebbe generare la tua idea?

È una bella domanda ed è abbastanza difficile trovare una risposta che vada bene per tutti, in quanto la sensibilità verso iniziative benefiche è molto diversa a seconda delle persone. In ogni caso però, leggendo gran parte delle letterine già inviate dagli utenti, si percepisce il vero spirito del Natale e una presa di coscienza sui temi più importanti a livello umano (solo il 2% dei messaggi contiene riferimenti commerciali). Questa cosa mi fa piacere e mi riempie di orgoglio, perché sono consapevole di aver toccato il tasto giusto ed aver veicolato il messaggio nella maniera più corretta, esattamente come la volevo! La mia idea potrebbe avere degli sviluppi e generare un cambiamento, ma è ancora presto per fare un bilancio.

Hai già pensato come rendere funzionante CaroBabboNatale.it dopo questo periodo festivo? Si può prevedere un riposizionamento o bisogna cambiare interamente la comunicazione?

Appena avuta l’idea non mi ero posto questa domanda. Ora però che la cosa sta funzionando e parlando con un paio di amici del settore #SocialMedia, mi è venuto in mente di provare a creare una sorta di format derivante da questa iniziativa. In buona sostanza estendere questo tipo di comunicazione virale 2.0 ad altre occasioni e ricorrenze… ma per ora è tutto ancora Top Secret!

450 450 Agostino

Guestbook. Intervista a Sara Paolucci

L’ospite di oggi è un’assidua viaggiatrice e voce narrante delle sue scoperte. Il sogno di molti è quello di poter viaggiare e guadagnare/vivere con le proprie storie, lei è una che ha realizzato questo sogno. Appassionata da sempre di viaggi è riuscita a diventare “voce narrante” di TUI.it, ovvero l’agenzia di viaggio online che fa capo al più grande gruppo turistico del mondo. Una realtà immensa, che promette ai proprio clienti di rendere reale tutte le pretese nell’ambito travel, anche a basso costo. Un lavoro tanto bello quanto impegnativo, visto la quantità di informazioni e interazioni che una realtà come TUI.it può generare.
Con Sara Paolucci abbiamo cercato di comprende come d’appassionati si diventa professionisti del settore e cosa c’è dietro TUI.it

Social Media Specialist ci si diventa, ma saccenti e curiosi ci si nasce. 🙂 Credo che la curiosità sia una caratteristica essenziale di ogni SMS, ma come si può trasformare questo valore in lavoro? Tu come sei arrivata a TUI.it?

Mmm… diciamo che ho puntato molto su quella che è la mia passione/conoscenza della rete. Quando ancora andavo a scuola d’estate facevo “la gavetta” nella web agency di mio fratello (ovviamente non pagata), così ho imparato tantissime cose e soprattutto ho seguito i cambiamenti del web da quando “web marketing” erano i banneroni lampeggianti sulle testate di siti in html fino ad oggi. Ovviamente però, come produttrice di contenuti, è stata importante anche la mia passione per la scrittura. Sono sempre stata un po’ grafomane, anche se poi non avrei mai pensato di avverare il mio sogno, ovvero scrivere per lavoro.
Infine, mi piace raccontare che il mio responsabile una volta mi ha detto di avermi scelta per la mia umiltà. In lizza per quel posto c’erano anche persone più esperte e affermate di me, ma evidentemente la mia apertura e disposizione ad imparare ciò che ancora non sapevo, hanno fatto la differenza

Il settore turistico è uno di quelli in cui l’utente necessita più frequentemente di attività di costumer care. Da questo punto di vista, i social media rappresentano una grande opportunità, ma allo stesso tempo vanno gestiti sapientemente per evitare situazioni di crisi che sono sempre dietro l’angolo. Come gestisci questo aspetto e come crei la relazione col cliente? Avete mai avuto episodi di crisi o “al limite”?

Le situazioni di crisi ci sono, nel nostro settore più che in altri. I nostri clienti risparmiano un anno intero per poi regalarsi le tanto agognate ferie, quindi è normale che si arrabbino se qualcosa va storto durante le proprie vacanze. In questi casi i social media sono uno strumento infinitamente utile per la velocità e l’immediatezza (non solo temporale) con cui ci consentono di comunicare e risolvere eventuali problemi.
Un altro aspetto che amo molto è che i SM ti consentono di “formare” l’utente. Troppo spesso infatti i problemi nascono da incomprensioni, mancanza di chiarezza da parte degli operatori turistici e delle agenzie, informare prima è molto importante per avere clienti preparati e consapevoli e per prevenire inutili crisi poi c’è tutto il discorso delle recensioni e delle opinioni online che personalmente affronto molto serenamente. In caso di recensioni negative trovo che l’importante sia sempre cercare di capire cosa sia successo, dialogare con il cliente e nel caso il problema sia nostro, ovviamente, risolverlo. Infine, la relazione con il cliente. La parte più bella e gratificante del mio lavoro.
In teoria per una OLTA (online travel agency) il rapporto con il cliente dovrebbe essere praticamente nullo, limitato al processo d’acquisto (online) e ad eventuali rapporti post-vendita.
Grazie ai canali sociali invece, posso essere una vera e propria agente di viaggio che cerca di capire le esigenze dell’utente e, secondo queste, gli consiglia il prodotto giusto.
Un altro aspetto divertente che rende il contatto con il cliente più forte è la condivisione. Un viaggio è un’esperienza, un insieme di emozioni, ed è bellissimo che i nostri clienti sentano il bisogno di condividere tutto questo con noi… così come io faccio con loro, raccontando ogni mio spostamento, per lavoro o per piacere.

Raccontarsi problematiche, emozioni e chicche di un viaggio è sempre stata la prerogativa dei maggiori forum di viaggi. Community nate sul web ma sempre più spesso si sono ritrovate on the road per vivere insieme il Viaggio. I nuovi media hanno reso i forum ambienti da nerd, spostando i “narratori” al blog. Pensi si sia stato un decentramento delle community o solo una nuova modalità di fruizione della rete?

Sono sincera, non ho mai partecipato ad un forum di viaggi se non per offrire/cercare consigli pratici forse con “l’avvento” dei blog la narrazione ha trovato un “luogo” più congegnale. Il blog, prima di essere luogo di scambio (con i commenti nascono discussioni interessanti) è innanzitutto un luogo di introspezione, di dialogo con sé stessi una sorta di diario segreto che segreto non è più (vedi Travelgum).
A mio avviso forum e blog sono due strumenti differenti con finalità differenti. I primi per lo scambio ed il confronto, mente gli altri nascono come strumenti personali e meno collettivi, più incentrati sull’esperienza e, appunto , la narrazione di chi li scrive. Dunque con “l’avvento” dei blog la narrazione ha trovato un luogo a sé più congegnale.

Quindi si può fare network anche con un blog non solo personale ma anche aziendale. Quanto ritieni fondamentale un corporate blog e in che modo lo è per TUI?

Il blog è uno strumento per TUI.it, tutti i contenuti si trovano sul blog ma poi sempre più spesso vengono commentati sulla pagina facebook, per quello che è ill mio lavoro questi due strumenti/canali si completano alla perfezione.
Nella mia esperienza il blog aziendale serve a creare le basi, del network. Diciamo che fornisce le tematiche su cui poi si va a discutere in un canale diverso, più adatto al confronto e alla discussione, come quello che è FB.

 

150 150 Alfredo

Guestbook. Intervista a Milena Gabanelli

Per molti di noi, da quasi quindici anni a questa parte, il concetto di servizio pubblico resta concretamente e quasi unicamente legato a Report. Ancor di più, oggi, che esso rischia di trasformarsi addirittura in un brand. Dicendo Report, diciamo Milena Gabanelli, la cui grinta e passione ritroveremo in tv su RaiTre a partire da domenica prossima. Dicendo Report, diciamo però anche Reportime. Nato verso la metà di luglio come un tentativo light di avvicinarsi ad una web-tv d’inchiesta, porta con sé – ad una settimana e poco più dalla messa online – numeri a dir poco sorprendenti in termini di streaming, utenti unici e social. A testimoniare l’attesa degli italiani per un modo nuovo di fare comunicazione.

Milena, un po’ di consapevolezza c’era all’inizio ma non eravamo certo così ottimisti.

È un mondo nuovo per me, non ho nessuna difficoltà a dichiarare la mia ignoranza. Gli unici dati che capisco riguardano share televisivi e curve di andamento. Sul web, non so ancora bene quali numeri debbano essere considerati buoni e quali no. So però che ci ha aiutato e ci aiuterà molto anche l’essere sul pezzo, il saper cogliere i segnali dell’attualità ricorrendo anche a un grande lavoro di valorizzazione e riscoperta del repertorio.

So che hai un grande rispetto verso gli strumenti del web, che si esprime anche attraverso una certa diffidenza (ricordo ancora la puntata sui social network, che tante polemiche in rete ha scatenato). Perché?

Non ho proprio alcuna diffidenza, bensì desiderio di capire di più. La puntata sui social network era partita da una domanda: se è tutto gratis, come è possibile che Facebook per esempio sia valutata 80 miliardi di dollari? se non muovono denaro, da dove arriva il valore? E tanto meno, non si può non domandarsi quale potrebbe essere l’utilizzo di una enorme quantità di dati personali volontariamente messi in rete. Tutto qui. Per il resto, il mondo va in quella direzione e quindi è meglio per tutti alzare il livello della conoscenza e competenza.

Se adesso andassimo a cercare su Facebook Milena Gabanelli, apparirebbero come minimo cinque pagine e un gruppo a te dedicati, con oltre 500.000 fan. Pensi che un giorno sarà possibile coinvolgere gli utenti nella costruzione di inchieste? Potrebbe essere questo il giusto valore?

Gli utenti sono già coinvolti, molte segnalazioni arrivano proprio da loro, che spesso danno contributi importantissimi, in qualità di testimoni di un fatto. Occorre però valutare di volta in volta, anche sull’autenticità di quello che ti arriva dalla rete. È un mondo gigantesco, pieno di persone generose ma serpeggiano anche i venditori di bufale.

Cosa ti piacerebbe che diventasse Reportime?

Vorrei che riuscisse a sviluppare un linguaggio adatto al mezzo. Reportime si occupa di approfondimento utilizzando video e scrittura su una piattaforma che per sua natura induce a una fruizione veloce. Ecco, far combaciare queste due caratteristiche lo considererei un punto di arrivo.

Avendo iniziato questo viaggio con te, contiamo di accompagnarti al traguardo. Grazie, Milena.

Per saperne di più su Reportime.

150 150 Agostino

Il bello di una storia


Il marketing è una narrazione capace di coinvolgere un determinato target. Raccontare una storia, non implica ingannare una persona, ma solo coinvolgere chi si sente attratto dalla narrazione. Un’attrazione che deriva dal rispettare i valori di chi ascolta. “To raise” assume il significato di crescere, coltivare, sorgere, sviluppare qualcosa, magari una storia. L’attività di  fund raising viene alimentata da una narrazione duratura e, affinché  la storia arrivi a un target più ampio possibile, credibile che non cada mai in banalità. Un piccolo “rumore di fondo” potrebbe compromettere l’intera narrazione. Il fund raising ha bisogno, oggi più che mai, di una storia transmediale capace di mostrarsi attraverso più canali, stringendo un dialogo diretto con i fruitori. Starved for Attention, ultima campagna di Medici Senza Frontiere in collaborazione con VII Photo, è da considerare un ottimo esempio di transmedia storytelling. Gli “affamati d’informazione” richiedono documentazioni dettagliate ma allo stesso tempo emozionali, presenza online ma allo stesso tempo tangibile, visibilità internazionale ma allo stesso tempo accessibile, comunicazione istituzionale ma allo stesso tempo partecipativa.
Una transmedalità capace di adattarsi a un linguaggio crossmediale.
Una transmedialità capace di stipulare un dialogo con target differenti.
Una transmedialità capace di sensibilizzare per un fine globale.

150 150 Agostino

Guestbook. Intervista a Andrea Antoni

Affascinato da ogni forma d’arte, in particolar modo per la mia incapacità nel generarla, ho sempre nutrito un interesse per ciò che si manifesta in modo non convenzionale, violando regole strutturali e non, stupendo. L’ospite di oggi il writer style, che negli anni è riuscito ad apportare “un upgrade” alla bomboletta spray attraverso nuovi supporti offerti dalla tecnologia.

Prima di essere un grafico sei un writer di vecchia data, che dalle pareti è passato alle tele prima di giungere al multimediale. Quali influssi e/o commistioni derivano dal mondo delle crew nel tuo lavoro odierno?

In realtà la mia multimedialità si è sviluppata passo passo con il mio essere writer. Da subito ho cercato pubblicità tramite il web e già nel 1998 avevo un mio primitivo sito internet, fatto con frontpage, in cui pubblicavo solo graffiti. Poi sono cresciuto, ma appena lo scorso anno ho unificato il sito relativo alla mia attività di grafico con quello da writer.
Credo quindi di essere arrivato alla grafica per un bisogno dovuto dal pubblicizzare il mio essere writer, per poi divenire un grafico con il plus dei graffiti. Il writing mi ha dato molto dal punto di vista della composizione e della creatività, ma ora che le ore di grafica sono superiori a quelle di graffiti, è quest’ultima che sta cambiando prepotentemente il mio modo di dipingere. Diventa evidente nei miei lavori degli ultimi due anni, ho smesso di fare le sfumature nei 3D per passare alle tinte piatte, proprio come quando disegno gli stessi soggetti in vettoriale.

Quindi il multimediale influenza, inevitabilmente, il tuo reale rendendo il tutto organico. L’uno senza l’altro sarebbe limitato, infatti anche il reale influenza il virtuale. Il tuo lavoro Be Happy Project può essere concepito come una trasposizione del concetto di crew hip hop, ma più dinamica e “open space”?

Io sono un poco contrario, ormai, alla differenziazione tra il reale ed il virtuale. I tempi in cui il web era territorio di soli nerd, esclusi dalla società civile, credo sia finito. E’ sicuramente vero che in molti usano personalità doppie tra la vita reale e quella multimediale, ma per quanto mi riguarda non c’è differenza. Le cose che non faccio al computer vengono veicolate tramite la rete, e spesso in sua funzione: ne è esempio il mio ultimo progetto di graffiti 2.0 fatto assieme al mio compagno di crew Asker e all’aiuto multimediale di @zagher. Abbiamo realizzato uno stencil, con cui abbiamo dipinto su parete un QRcode, che rimandava ad una landing page creata ad hoc per quell’occasione. In questa l’utente trovava un video con la preparazione della bozza del graffito e una galleria fotografica con uno script, che inseriva in tempo reale tutte le foto pubblicate su instagram e taggate con un determinato tag.
Per quanto riguarda il Be Happy Project non so neanche io cosa sia: è nato per caso e sta prendendo sempre più piede. Agli inizi era street art pura, ma da sempre ho voluto che fosse una sorta di club, chiamiamolo anche open space si, dove i protagonisti siano le persone felici e il mio operato solamente un veicolo per il raggiungimento del sorriso.

Vista la crescita esponenziale della fruizione in mobile e attraverso applicazioni, come sta evolvendo la tua arte (web e non)? Credi che l’apporto grafico subirà delle perdite o delle mutazioni di espressione?

Io parlo per quel che ho visto nella mia piccola esperienza: quando iniziai a dipingere graffiti nel 1997 si faceva un pezzo, gli si facevano le foto analogiche, si aspettava di finire il rullino, le si mandava in stampa e poi si spedivano ad alcune delle pochissime fanzine, che te li pubblicavano quando uscivano (se poi uscivano con un nuovo numero) 6 mesi dopo. Quando compravi un nuovo numero avevi un percepito delle news, che invece erano già vecchie di un anno. Di conseguenza quando tu vedevi i lavori di quelli “bravi” facevi la rincorsa su stimoli che per loro erano vecchi e superati. Ora siamo come in una centrifuga: dipingi e le tue foto sono online già prima che l’opera sia completa. Gli stili, una volta molto differenziati tra città e città, vanno uniformandosi o comunque contaminandosi prepotentemente: restano comunque sempre caratteristiche peculiari, ma la divisione non è più così netta.
Come stia evolvendo la mia arte non lo so, spero in meglio, credo di si, fondamentalmente cerco maggior pulizia e nuove semplificazioni, i graffiti ti portano ed essere caotico, la grafica invece ti rende più minimal, di conseguenza sto esplorando il confine tra i due.

150 150 Agostino

Guestbook. Intervista a Sasà Tomasello

L’ospite di questa settimana è del Sud. Quel Sud che non smette di lottare e credere in un miglioramento generale, che possa partire proprio delle realtà più ostili, difficili e improbabili. Realtà in cui pochi investirebbero il proprio tempo/denaro, realtà che ti consumano una vita intera, ma realtà che ti permettono di osare e stupire proprio perché nessuno si aspetta nulla da esse. Sasà Tomasello, fa parte di queste realtà, è questa realtà. Un Sud che non resta a guardare.

Come può un pubblicitario e Ceo di un’agenzia gestire il tutto da Ischia? La rete abbatte i limiti fisici/strutturali, che sembrano limitare ancora il marketing italiano o le difficoltà sono realmente tante?

Paradossalmente il limite è ben più ampio. Il problema non è Ischia il problema è il Sud. Se proprio poi vogliamo definirlo “problema”, nel nostro caso, quello della comunicazione oserei dire l’Italia intera.
Non ho mai pensato di lasciare la mia città a favore della carriera ho sempre pensato di voler fare carriera dalla mia città (parlo di Napoli, anche se oggi vivo ad Ischia per scelta, ndr).
Ai tempi dell’università (tra l’altro mai finita a dispetto di una carriera iniziata molto presto), io ed un mio caro amico, ex AD in saatchi, jwt ed oggi anche lui diventato  CEO (ma su Roma), avevamo un sogno: riuscire a creare la nostra agenzia, ma su uno yatch e solcare i mari fin dove i clienti avessero avuto bisogno di noi, tanto, dicevamo, ci basta un Mac ed una Connessione veloce il resto ce lo mettiamo noi (parlo della creatività, ndr).
In qualche modo ho voluto continuare questo sogno,  non ho preso una barca ma mi sono trasferito su un’isola, ho il mio Mac ed una Connessione veloce e navigo fin dove i clienti hanno bisogno del sottoscritto.
Ritornando alla tua domanda, non ho mai ragionato sul paradigma “marketing italiano”. Mi definisco un creativo, un consulente creativo per l’esattezza e non posso affliggermi la vita con limitazioni varia che si incontrano ogni giorno fuori e dentro il lavoro, ci si scontra con una realtà “immatura”  dove la rete è ancora un oracolo e la comunicazione è legata alla “tradizione”.
Si fa di necessità virtù, con le nuove tecnologie quasi tutto è possibile: in agenzia comunichiamo via skype, mi squilla il Mac, perchè se squilla il telefono 9 su 10 è un fax di qualche operatore di telefonia che vuole propinarci un nuovo piano tariffario, o chiamano perchè non rispondiamo ai loro fax, ma riagganciano sempre alla fatidica domanda: “Signore quanto spende di cellulare?” – “Circa 10 euro al mese…” – ” … tu tu tu tuuuu”.
Esatto, ho la presunzione di definire la mia agenzia è una vera “agenzia 2.0”, dove i clienti si interfacciano per lo più in rete, con i miei collaboratori lavoriamo in rete e sono disparati in varie città d’Italia e se vogliamo presentare un progetto lo facciamo via “connectnow”, condividiamo i file via Dropbox e come anche nel caso di questa intervista, condividiamo i documenti con Google Doc.
Ma non è oro tutto quello che luccica, chiaramente ci sono anche i casi in cui occorre l’incontro dal vivo, in genere per la stipula dei contratti con i nostri clienti avviene ancora in questo modo. Ma ci stiamo lavorando.
Rischierò di sembrare pretenzioso, ma non è la rete ad abbattere i limiti fisici e strutturali ma sono le persone che imparano a sfruttarla e che stanno scoprendo nuovi modi per superane i limiti, cominciamo a non avere paura del futuro e imparare a sfruttare le nuove risorse anche in nome del “marketing italiano”.

Un supporto difficilmente modifica un contesto sociale originariamente statico, ma il suo utilizzo, la diffusione dello stesso e le innovazione generate dall’utilizzo, possono generare delle evoluzioni inaspettate. Pensi che sia possibile migliorare il “problema” della comunicazione al sud? Quali supporti e/o iniziative potrebbero essere influenti?

Non credo si debba parlare di “problema” della comunicazione quanto, piuttosto, bisognerebbe cominciare a parlare di “educazione” alla comunicazione. Gli imprenditori e non solo del sud a vivono oggi la comunicazione in un contesto nuovo, sono costretti a relazionarsi con marketing e pubblicità con nuovi mezzi, soprattutto quelli che la rete ci mette a disposizione.
Le persone hanno subito la comunicazione passivamente per oltre 50 anni ed ora cominciano a ribellarsi. Vogliono essere partecipi e poter dire la loro.
Per questo bisogna entrare nell’ottica oggi esiste il consumer che non è più il target e bisogna creare una relazione diretta e farsi trovare pronti e cortesi per rispondere alle domande che ci pongono.
Fare comunicazione significa riuscire a far comprendere al consumatore quali sono i benefici di un prodotto/servizio facendo in modo che questi viva un’esperienza, la stessa che hai vissuto tu prima di cercare di trasmetterla a lui.
Oggi il fattore EMOZIONALE la fa da padrone, coinvolgere, stupire e diffondere sono le chiavi di volta del nuovo marketing, quello che viene considerato NON CONVENZIONALE, di cui mi pregio di essere un accanito sostenitore, dove la comunicazione sfrutta mezzi e metodi alternativi a quelli a cui siamo stati abituati in 50 anni e la diffusione, se vincente, avviene attraverso il passaparola: è il pubblico stesso a diffondere la pubblicità.
Questo fattore e la nascita dei social network, hanno accorciato notevolmente il divario tra un imprenditore del sud ed uno del nord, intellettualmente parlando, anche se la strada è ancora lunga e tortuosa prima che gli investimenti si possano equiparare.
Nel frattempo, noi professionisti, studiamo e ci facciamo trovare preparati.
Siamo professionisti della comunicazione. Questo implica che dobbiamo essere più esperti e più bravi dei nostri clienti ed accompagnarli nell’esprimere quello che loro vogliono comunicare. La nostra bravura sarà la capacità di trovare soluzioni creative adatte ai nuovi modelli di business e comunicazione.
Esistono vari supporti, iniziative, eventi, concetti, strategie , modus, mezzi e metodi per realizzare campagne di comunicazione efficaci e tutte con la stessa desinenza: MARKETING.

150 150 Agostino

Guestbook. Intervista a Matteo Bianconi

La mia prima “intervista” con un copywriter, anche se abbiamo parlato di tutt’altro. La prossima volta prometto di prepararmi sulla parte copy e di allargare le mie vedute. Copywriter consultant presso Pragamatika ed editor del blog “corporate” Pragmatiko, Matteo Bianconi è un appassionato della comunicazione a 360° e proprio per questo motivo siamo finiti a parlare della nuova “piattaforma” lanciata da Facebook, di crowdsourcing e coworking come nuove prospettive di creatività e consumo. Un viaggio in un futuro probabile, ma in continua mutazione.

Da Palo Alto hanno rilasciato, negli ultimi giorni, Facebook Studio che rivoluziona nuovamente il mondo dei social network e in particolar modo l’utilizzo che le tribù virtuali ne fanno. Credi che il re dei social network possa ridefinire anche il mercato del crowdsourcing e/o del coworking?

Credo che Facebook non abbia mai rivoluzionato niente: affermazione provocatoria, lo so, mi spiego. Mark Zuckerberg è arrivato con un prodotto giusto al momento giusto, riuscendo a realizzare il potenziale dei competitor. Ricordo che al principio, ancora prima del boom italiano del 2008, con gli amici si diceva che Facebook era la versione “pulita” di Myspace. E il resto è storia, una storia fatta di una società che finalmente ha imparato a sfruttare appieno la Rete attraverso la potenza dei social media. La nuova generazione in primis ha saputo arricchirsi di questo nuovo bagaglio culturale: basti vedere il fiorire dei nuovi progetti, piccoli o grandi network che siano. Al momento ce ne sono centinaia per foto, video, incontri e tanto altro: la stragrande maggioranza è opera di giovani under 30 e molti sono i casi di under 20. Il social media marketing, nato da pochi anni – ma già maturo negli States, in Italia siamo lenti- è il risultato di un mercato che cambia, con iper-consum-attori più consapevoli di quanto accada attorno a loro. Facebook Studio è un’ottima idea: il miglior modo di farsi pubblicità è quando sono gli altri a parlarne e questo sito non è altro che una sorta di grande vetrina, con in più l’intuizione di aggiungere la sezione “Lab”, imparando dalle best practice.
Crowdsourcing e coworking per me sono meravigliose “entità” che esulano dal contesto di Facebook: il social network  potrà forse influenzare i processi, ma non dettare nuove regole. Spesso parliamo di Facebook come se fosse un luogo fisico reale. In parte lo è, perchè abbiamo la consuetudine di vederlo coma una enorme piazza, ma anche la più grande piazza di tutti i tempi rimane vuota senza gli abitanti che la attraversano. In questo contesto crowdsourcing e coworking sono ovviamente facilitati, ma credo fermamente che le logiche di base siano totalmente umane e dipendano dalla volontà, dall’estro e dalla passione degli individui: Facebook rimane un media essenziale alla condivisiione, ma non insostituibile.

Il non-luogo per eccellenza, praticamente. Un posto in cui si generano contenuti/relazioni, ma che è solo un punto di partenza/transito per nuove frontiere/realtà. Un posto in cui condividere, da noi è ancora troppo presto, è sicuramente il valore aggiunto che può apportare un miglioramente all’intero processo generativo che si svincola dal network, ma non dal valore social. Facebook è il punto di partenza, le reti si stanno ampliando e i mashup sono i benvenuti, ma dove stiamo andando?

Credo che stiamo tornando ai collettivi. Se ci facciamo caso, con l’avvento dei social network le aziende italiane si sono trovate impreparate e c’è ancora chi considera un “giochino” questo livello di marketing. Così è successo che i primi che hanno capito il potere del “social” sono diventati i cosiddetti guru, persone che hanno fatto del personal branding il proprio cavallo di battaglia. Ci sono state società che si sono rivolte a loro, alcune che hanno avuto la fortuna di avere dei casi all’interno della propria organizzazione e altre che hanno letteralmente acquisito questo “genio extra”. Nel mentre la specializzazione è aumentata, causando un numero sempre più alto di “lupi solitari” altamente specializzati. Ora che la concorrenza è forte, si stanno formando i nuovi “branchi”, nati proprio dal crowdsourcing e dal coworking. Ecco appunto il ritorno del collettivo: la nascita di nuove realtà operative o intellettuali, ma – come si dice – ognuno ha un mutuo da pagare e quindi il business è il benvenuto. Il punto focale sta nel distinguere queste nuove realtà, perchè i “venditori di fuffa” sono sempre dietro l’angolo ed è facile che bellissime start up finiscano nel tritacarne degli eventi, anche quelle nate dai propositi migliori. Non bisogna mai dimenticare che la Rete premia l’onestà e il confronto aperto. Anche – e soprattutto – nel business.

Una rete di tribù.

150 150 Agostino

Guestbook. Intervista a Paolo Ratto

Il primo contatto con l’ospite di questa settimana è avvenuto in circostanze digitali non felici. Avevamo pensato di mettere su il primo cimitero delle piattaforme web 2.0, un punto di incontro/scontro dove si potesse monitorare i decessi, presunti o reali, delle realtà che alimentano il web. Un’idea che ha reso giustizia al concept, morendo. Ospite di oggi è Paolo Ratto, che oltre ad essere un interessante blogger e web marketing specialist a D4B, è un “collega” con cui si riesce a discutere dei propri lavori senza entrare in competizione. L’intervista seguente nasce su twitter, approfondita allo Iab Seminar per concludersi (forse) in questo post.

Ogni mattina su Internet un guru si sveglia e dichiarerà la morte di qualche parte del web. Ogni mattina su Internet un utente si sveglia e sa che un guru avrà dichiarato la morte di qualche parte del web… un cimitero virtuale che stiamo provando, con molte difficoltà, a documentare. L’ultimo arrivato, ma solo in senso temporale, è Bruce Sterling.
Credi che queste morti quasi quotidiane siano solo una mostrazione dei guru o è la normale evoluzione di un supporto, che si modifica con l’utilizzo che ne fanno gli utilizzatori?

Sicuramente il lanciarsi dei cosiddetti guru in affermazioni altisonanti (che altrove ho definito “per le allodole”), è, a mio parere, quasi imposto dal “mantello da indovini” che portano sulle spalle. Probabilmente se non fai predizioni (meglio catastrofiche!), non puoi fregiarti dell’appellativo di guru. Questa è una tendenza molto diffusa nella blogosfera. Un pò come quella di attaccare o difendere a spada tratta uno strumento piuttosto che un altro, quasi sospinti da un orgoglio tribale da sostenere nei confronti del nemico (penso a Twitter Vs Facebook), dimenticandosi spesso che stiamo parlando di strumenti e che è l’utente, con il suo utilizzo che ne determina essenzialmente le differenze.
Non si può negare che il settore sia contraddistinto da un’evoluzione rapidissima (talmente rapida che magari tra qualche mese, invece di commentare il Social Web ci troviamo a commentare una partita di briscola…!) Ciò che pertanto mi preme sottolineare è che la chiave va ricercata proprio nell’utilizzo. In fin dei conti sono gli utenti che determinano il futuro del supporto. Pensiamo al Facebook degli inizi e a quello odierno: per quanto Zuckerberg sia sicuramente un genio lungimirante è l’utilizzo che ne hanno fatto gli utenti che ha trasformato il network nella complessa macchina attuale. E’ lo strumento che si adatta agli utenti e non viceversa.

Semplificando il discorso possiamo dire che le tribù, generate all’interno della piattaforma, nell’utilizzo che ne fanno ne determinano il posizionamento? Provocatoriamente possiamo affermare che c’è un rovesciamento del concetto “Il medium è il messaggio”?

Sicuramente una delle caratterstiche che ha determinato il “boom” del Social Web è la forza aggregante delle tribù online. Il fatto che gli utenti si trovino in totale empatia con lo strumento che utilizzano, non solo ne determina il posizionamento, ma lo riempe di contenuti, significati e soprattutto emozioni. D’altronde è difficile definire tali comunità come virtuali, anche perchè di virtuale non c’è più niente. La comunicazione è sincrona, fittissima, multisensoriale. Il linguaggio fortemente arricchito e totalmente condiviso. E ciò che mi interessa particolarmente è che le iniziative promosse sfociano spesso nell’offline.
Calzanti, in questo senso, esempi della community twitteriana o foursquariana (occhio anche a app come Instagram). Rifletteteci un attimo…
E anche il buon McLuhan probabilmente constaterebbe che ciò che caratterizza il fenomeno del Web Sociale è proprio la messa in atto di meccanismi da sempre presenti nell’uomo, su cui la tecnologia ha saputo modellarsi. L’utente, ancora di più che il contenuto del “messaggio”, è il centro di questa rivoluzione. Gli strumenti sono satelliti, anche se spesso diventano oggetto di venerazione da parte della loro stessa nicchia.
Complesso no…?!?

La tecnologia si è modellata sui caratteri sociali dell’individuo, ma non dobbiamo perdere di vista il fatto che restano delle strutture con propri limiti e vincoli. Leggendo Googled di Ken Auletta mi ha colpito un’affermazione riguardo il più grande motore di ricerca della storia, ovvero che Google non sta modificando il nostro modo di cercare, ma siamo noi che stiamo imparando a cercare come ci sta insegnando Google. Sono le tecnologia a mutare il sociale o viceversa?

Secondo me siamo dinnanzi a due fenomeni distinti e cioè il Social e la Search, che nonostante stiano convergendo sempre più evidentemente (d’altronde ti chiedo che cosa non stia forse convergendo nel Social?!?) partano da presupposti diversi.
Credo che Auletta abbia ragione quando parla di Google e del fatto che, per quanto riguarda la maniera di cercare, Google sia intervenuto in maniera decisa e irrevocabile sul comportamento degli utenti, modificandolo e riuscendo ad adattarlo perfettamente alla filosofia del motore.
Discorso diverso se guardiamo i Social Network (che possiamo definire pilastro di ciò che mi piace definire Social Web): questi si sono evidentemente adattati proprio al carattere individuale, e addirittura socio-tribale degli utenti, sapendo mutare (Twitter e Facebook sono l’esempio più lampante) le proprie caratteristiche, realizzando ciò che la massa di utenti andava bramando, fino a qualche anno fa, nelle sue fantasia più recondite.
Mi permetto di andare oltre e dico che è probabilmente la stessa filosofia di Google, che ha fatto la storia della “ricerca” ad averne decretato l’insuccesso (almeno fino ad oggi) nel settore social. Ma su questo ci sarebbe da scrivere un libro…
Dando una risposta definitiva mi sento di dire che il “sociale” offre, in questo momento storico, l’ispirazione continua per l’evolversi dello sviluppo tecnologico. Internet non è mai stato così “utentecentrico” e la tecnologia non può far altro che cercare di soddisfare bisogni e necessità dell’utente (o delle tribù di utenti). Questa, a mio parere, la chiave di volte dell’Internet attuale. E poco importano le variabili del business e del marketing, perchè è sempre all’utente che bisogna rendere conto alla fine della favola.

150 150 Agostino

Guestbook. Intervista a Giovanni Scrofani

241543903. Ubik è tra noi.
L’intenzione era quella di terminare l’intro, dell’ospite di questa settimana, con la frase precedente ma il senso (?) mi ha fatto cambiare strada.  Ho pensato che uno stimolo/riflessione fosse rappresentativo di una personalità forte come quella di Giovanni Scrofani, ma non volevo trascendere nella banalità. Professionista di Grandi Stazioni,che in rete tende a prendersi/re con meno serietà per analizzare fenomeni sociali, che generati dagli utenti si diffondono in rete. Il meme è il virus che pervade l’intera comunità odierna. Il virus per eccellenza, che non ha bisogno di identificazione e catalogazioni. La cui genesi on-line, giunge a infettare utenti off-line. Questo è il senso del virale, che tra alcuni anni studieremo sui libri di sociologia. Questo è Gilda35.

Tristan Tzara ha affermato che ”Dada non significa nulla, è solo un prodotto della bocca”, possiamo dire che Gilda35 è solo un prodotto della tastiera? Raccontaci del primo sito di satira sul “professionismo” della rete.

Con questa citazione hai colto buona parte del mio “metodo creativo”. Sì, Gilda35 è un mero prodotto della tastiera. In Gilda35, attraverso una tecnica di “stream of consciousness”, scarico le suggestioni provenienti dal mio errare attraverso i Social Network e internet in generale. Scrivo “di botto” senza pensarci molto su, riguardo al risultato finale. Originariamente il nome nacque per gioco dall’accostamento di:
· “Gilda”, termine mutuato dal mondo dei Giochi di Ruolo dove indica un party (gruppo di giocatori) che deve risolvere una quest (missione);

· e il numero 35 le persone necessarie ad eludere l’algoritmo dei toptweet.

Gilda35 è nato un po’ per gioco su Twitter, con alcuni amici eravamo stufi per le “pubblicità occulte 2.0”, propinate da alcuni markettari che sfruttavano delle falle nell’algoritmo dei toptweet (una sorta di vetrina sui contenuti più in voga). Come descritto in una serie di nonPOST raccolti nella pagina Project del nonBLOG, abbiamo iniziato una serie di “rigorosi esperimenti dadaisti” per eludere (lecitamente e coccolosamente) anche noi l’algoritmo dei toptweet e postare in home page messaggi all’insegna del non sense più totale. La cosa mi ha preso la mano (soprattutto dopo l’affaire Internet 4 Peace) e così sotto la “pressione popolare” è nato il sito ufficiale. Gilda35 ha conservato fondamentalmente le medesime dinamiche della parte iniziale del c.d. Progetto: fare satira sul “professionismo” della rete, attraverso quello che chiamo il “metodo della contaminazione”. La totalità di quello che scrivo su Gilda35 è frutto delle mie interazioni con buffoni, hacker, scrittori, casalinghe disperate, linguisti computazionali, lanciatori di coriandoli, antropologi, eretici, sociologi, pagliacci, funamboli, giornalisti ecc… Sto “in Rete” da molti anni e in Italia ho notato una “seriosità” eccessiva su come si affrontano le nuove professioni connesse al web… Diciamo che c’era bisogno di una bella pernacchia! Poiché con le Nuvole Computazionali abbiamo un rapporto di influenza reciproco, solo dopo mesi mi sono reso conto di come Gilda35 avesse una serie di significati pressoché infinita… La versione che mi piace di più è questa:

· “Gilda” come il film di Rita Haywort, che fu il primo caso “analogico” di viral marketing. Il film sfruttò la pubblicità data dal fatto che nell’Operazione Crossroad una delle bombe degli esperimenti dell’atollo di Bikini era stata battezzata per l’appunto Gilda.

· “35” nella smorfia napoletana significa “l’uccellino”, che è il simbolo di Twitter.
Ma in ultima analisi, ad essere rigorosi: Gilda35 non significa un fico secco! Gilda35 è una pernacchia!

Un progetto che nell’autoironia riesce a mettere in luce le potenzialità del web 2.0, dove ogni utente può fare la differenza. Nel bene o nel male, il web ha reso il mondo più partecipativo. Considerando la semplificazione di utilizzo, ottenuta con alcuni  social network, ritieni che Gilda35 subirà una crescita esponenziale di contenuti?

Ad essere ben precisi Gilda35 ha avuto due fasi: quella “sperimentale” (collettiva e virale) e quella “satirica/polemica” (individuale e riflessiva):

· La fase “sperimentale” di Gilda35 si è conclusa il 26 agosto 2010 A.D., quando constatai, insieme agli altri Sabotatori, che Twitter si associava agli altri Social Network nel dare visibilità solo a ciò che aveva immediati ritorni in termini di marketing o di promozione come “news network”. Dopo una serie di “sabotaggi” dalle parti di Twitter iniziarono a rimodulare l’algoritmo per “sfavorire” fenomeni come Gilda35. Dopotutto un Social Network “tira” nel momento in cui è una buona cassa di risonanza a fenomeni di marketing o “fa notizia” (v. Tunisia, Iran, ecc…), se si limita a veicolare cosa davvero è importante per gli utenti assai probabilmente non fa né cassa, né notizia. Nei mesi successivi ho continuato a fare qualche “sabotaggio”, giusto per divertimento favorendo qualche causa che mi stava a cuore come nel caso dell’estradizione a Guantanamo di Gary McKinnon. Poi ho deciso di fermarmi del tutto. Un po’ perché il “metodo” del sabotaggio era passato nella comunità degli utenti italiani di Twitter, che soprattutto coi trend topic (i temi di tendenza) avevano iniziato a dare evidenza a proprie iniziative pseudopoliticoculturali. Un po’ perché a destra e manca venivo tirato per la giacchetta per dare visibilità a “temi importanti” nucleare, giornalisti contro, ecologia, ecc… Francamente un approccio veramente poco DADA.

· La fase “satirca/polemica” è iniziata a latere di quella “sperimentale” e mi sta dando parecchie soddisfazioni. Un po’ perché per motivi di tempo sviluppare un’iniziativa “virale” come la Gilda35 della fase sperimentale era improponibile. Un po’ perché desideravo cimentarmi di più nel nonBLOGing: fondamentalmente il mio non è un blog vero e proprio, ma per lunghezza dei post e linguaggio, è una sorta di piccolo pamphlet a puntate. Nel nonBLOG ho potuto mettere meglio a fuoco alcune idee “eversive” contro l’attuale assetto della Cultura Digitale. Ovviamente l’esperienza è amatoriale e priva di scopo di lucro. Ciò mi ha permesso di focalizzare al meglio le mie idee, senza quell’ossessione da “numero di contatti per post” ché è la rovina dell’attuale panorama della blogosfera italica. Mi è capitato che migliaia di persone leggessero un mio post nato per scherzo, solo perché trattava di un brano di successo. Mentre altre volte post che erano stati frutto di intense ricerche erano stati letti da poche decine di persone, tuttavia sono stati quelli che mi hanno dato più soddisfazioni, per il feedback emotivo intenso che mi hanno trasmesso i lettori. Se ragionassi in termini “professionali” di numero di contatti per post, dovrei scrivere solo di boiate di tendenza, ma sono assolutamente contro questa cultura del nulla, in cui la linguistica computazionale sovrasta il contenuto.

In conclusione, per lo meno nella fase attuale Gilda35 non subirà una “crescita esponenziale” di contenuti. Gilda35 è un prodotto “artigianale” e come tale soggetto a momenti di stasi e raptus creativi, ad affermazioni e contraddizioni, a evoluzioni ed involuzioni. Quello che voglio fare con Gilda35 è solo spingere le persone a riflettere un attimo sull’assoluta insensatezza, che sta intraprendendo la Cultura Digitale in questo frangente. Perché alle volte il nonsense ha più senso del buon senso di SEO, Guru, Topblogger e compagnia!